Grup­pi di gio­co

Con la fre­quen­za di un grup­po di gio­co ini­zia il pri­mo distac­co dal­la fami­glia. Que­sto è un gran­de pas­so per il vostro bam­bi­no, che i Grup­pi di gio­co Stei­ner accom­pa­gna­no con mol­ta cau­te­la.
Vi sono grup­pi di gio­co in casa, in giar­di­no e nel bosco.

Vi sono grup­pi di gio­co in casa, in fat­to­ria o nel bosco. A ciò si aggiun­ge il fat­to che ogni grup­po di gio­co in casa è già solo di per sé diver­so. Ci sono però deter­mi­na­ti ele­men­ti comu­ni a tut­ti: il gio­co libe­ro, il giro­ton­do o la sto­ria con­clu­si­va. Di segui­to tro­va­te descrit­to l’esempio di un grup­po di gio­co in casa.

La mat­ti­na­ta ini­zia e i bam­bi­ni arri­va­no. Chi è già pron­to inco­min­cia a gio­ca­re. Oppu­re si pren­de anco­ra un po’ di tem­po per appro­da­re.

Giun­ge poi il tem­po del gio­co libe­ro, che nei Grup­pi di gio­co Rudolf Stei­ner è di una cer­ta impor­tan­za. I grup­pi di gio­co si tra­sfor­ma­no in un mon­do pie­no di fan­ta­sia. Ci sono, per que­sto, cas­set­te di legno, mol­let­te e cioc­chi, una cuci­na da gio­co con sto­vi­glie e ogget­ti pro­ve­nien­ti dal­la natu­ra, qua­li cor­tec­ce, pigne o noc­cio­li. Le bam­bo­le di stof­fa sono nei let­ti­ni e i teli invi­ta­no al tra­ve­sti­men­to. Dai mobi­li pos­so­no nasce­re uno sci­vo­lo oppu­re un tre­no. In giar­di­no ci sono una cas­sa del­la sab­bia e rami per pro­get­ti di costru­zio­ne più gran­di. Al ter­mi­ne del gio­co libe­ro si rior­di­na tut­ti insie­me.

Suc­ces­si­va­men­te i bam­bi­ni si riu­ni­sco­no e la con­dut­tri­ce del grup­po di gio­chi dà ini­zio a un gio­co di movi­men­to. In esta­te il gra­no matu­ra e vie­ne tra­sfor­ma­to. In autun­no lo sco­iat­to­lo rac­co­glie le noci. In inver­no i bam­bi­ni costrui­sco­no un pupaz­zo di neve. E in pri­ma­ve­ra le lepri sal­tel­la­no nell’erba accom­pa­gna­te da rit­mi e rime. Il gio­co di movi­men­to ripren­de le sta­gio­ni e, diver­sa­men­te dal gio­co libe­ro, è gui­da­to.

C’è poi la meren­da. Il sano e il bio sono in pri­ma linea. Tal­vol­ta ci sono addi­rit­tu­ra pani­ni pre­pa­ra­ti dai bam­bi­ni stes­si per la cot­tu­ra in for­no. I bam­bi­ni si riu­ni­sco­no a tavo­la e assa­po­ra­no ciò che le sta­gio­ni come per magia met­to­no sui piat­ti.

Dopo la meren­da vie­ne offer­ta un’attività arti­sti­ca. I bam­bi­ni dipin­go­no con ges­set­ti a cera o con colo­ri ad acqua; accom­pa­gna­no ver­si e can­ti, pic­chiet­tan­do su legnet­ti sono­ri, o muo­vo­no le loro mani in gio­chi di gestua­li­tà manua­le. Oppu­re si esce, ad esem­pio a fare una pas­seg­gia­ta, a gio­ca­re nel­la sab­bia, ad arram­pi­car­si sugli albe­ri, a gio­ca­re con le cor­de o a don­do­lar­si sull’altalena.

Al ter­mi­ne del­la mat­ti­na­ta i bam­bi­ni si riu­ni­sco­no in un semi­cer­chio. La con­dut­tri­ce dei grup­pi di gio­co, con l’ausilio di mario­net­te che stan­no in pie­di sul­la sce­na, o di altre da muo­ve­re men­tre le si tie­ne in grem­bo, met­te in sce­na una sto­ria con pic­co­li per­so­nag­gi ani­ma­ti. È dun­que il momen­to di con­ge­dar­si e augu­rar­si un buon ritor­no a casa. Una mat­ti­na­ta pie­na di espe­rien­ze sta per con­clu­der­si.

Con­cor­da­te per il vostro bam­bi­no un perio­do di ambien­ta­men­to indi­vi­dua­le.

Fre­quen­ta­no i Grup­pi di gio­co Stei­ner bam­bi­ni con un’età che va dai 2 anni e ½ fino all’ingresso alla scuo­la dell’infanzia. Nor­mal­men­te i grup­pi di gio­co sono aper­ti alla mat­ti­na per 3–4 ore.

Nel pri­mo tri­me­stre i geni­to­ri di quan­do in quan­do pos­so­no esse­re anche loro nel grup­po di gio­co. All’inizio, ad esem­pio, per due o per tut­te quan­te le mat­ti­ne. Il vostro bam­bi­no può così costrui­re la fidu­cia ver­so il grup­po di gio­co e cono­sce­re tut­to. In segui­to il perio­do di ambien­ta­men­to si ridu­ce a una mez­za mat­ti­na, fino alla meren­da, fin­ché alla fine non è che di una mezz’ora sol­tan­to. In tal modo il pri­mo distac­co dal­la fami­glia può svol­ger­si con tota­le cau­te­la. Altri grup­pi di gio­co con­cor­da­no il perio­do di adat­ta­men­to in modo del tut­to indi­vi­dua­le, secon­do il biso­gno del bam­bi­no.

I grup­pi di gio­co soven­te sono annes­si a una scuo­la, oppu­re sono giu­ri­di­ca­men­te auto­no­mi. In entram­bi i casi di rego­la la for­ma giu­ri­di­ca è un’associazione. A ciò si aggiun­ge il fat­to che spes­so i grup­pi di gio­co col­la­bo­ra­no stret­ta­men­te con le scuo­le e le scuo­le dell’infanzia, oppu­re sono allog­gia­ti negli stes­si spa­zi.

I grup­pi di gio­co che sono annes­si a una scuo­la, di rego­la com­por­ta­no un costo extra, anche se vie­ne già paga­ta una ret­ta fami­glia­re. Grup­pi di gio­co che lavo­ra­no in auto­no­mia, riscuo­to­no di rego­la una ret­ta men­si­le fis­sa, che si rife­ri­sce al nume­ro di mat­ti­ne nel­le qua­li il bam­bi­no fre­quen­ta il grup­po di gio­co.

Le sera­te dei geni­to­ri trat­ta­no del­la peda­go­gia dell’età che con­cer­ne i grup­pi di gio­co e di temi che riguar­da­no il grup­po di gio­co, ad esem­pio il distac­co dal­la fami­glia, l’età dell’opposizione, o i media. Di rego­la i grup­pi di gio­co offro­no una vol­ta all’anno un col­lo­quio vol­to a sta­bi­li­re la posi­zio­ne del bam­bi­no per quel che riguar­da il suo svi­lup­po. Al ter­mi­ne del perio­do di fre­quen­za del grup­po di gio­co ha luo­go un col­lo­quio con­clu­si­vo, nel qua­le si par­la anche del pas­sag­gio alla scuo­la dell’infanzia.

Fare una pro­va o iscri­ve­re il vostro bam­bi­no? Nes­sun pro­ble­ma.
I nostri grup­pi di gio­co, le nostre scuo­le dell’infanzia e le scuo­le vi offro­no perio­di di pro­va e gior­na­te del­le por­te aper­te. Per le iscri­zio­ni ci sono di rego­la un col­lo­quio
infor­ma­ti­vo, un appun­ta­men­to per fare una pro­va, rispet­ti­va­men­te per chia­ri­men­ti sul­la matu­ri­tà sco­la­re, e un col­lo­quio finan­zia­rio. Le ammis­sio­ni sono pos­si­bi­li in ogni momen­to. Con­tat­ta­te sem­pli­ce­men­te la sede che ave­te scel­to.